1544590_10202794525213555_489652091_n

A qualcuno piace…vintage! – Facciamo prendere al nuovo anno la giusta "piega".

Si, lo so. Lo so che avrebbe avuto più senso pubblicare un post del genere a ridosso delle feste natalizie, che magari a qualcuna di voi avrebbe fatto comodo qualche spunto in fatto di hairstyle (per esempio alla signora con il boccolo stile “Maria Antonietta’s way“, seduta ad un paio di tavoli dal mio, durante il cenone di capodanno). O a tutte quelle che si sono ostinate a farsi il frisèe, nonostante siano già sposate e con tre figli a carico (e non mi stupirei se questi ultimi, da innocenti creature quali sono, si appassionino in seguito al cannibalismo o allo spaccio di anfetamine, perchè, voglio dire, una mamma con il frisèe non è un trauma che si supera tanto facilmente).
Dopo essermi pertanto assunta le mie responsabilità a riguardo e dopo essermi fatta carico degli eventuali beauty-pasticci a cui siete andate in contro durante la viglia di natale o nell’ultima notte dell’anno, ho deciso di condividere con voi una beauty tip dal sapore di altri tempi (leggi, vecchia come il cucco), con l’augurio che questo 2014 possa essere chic ed impeccabile come lo stile delle dive del cinema in bianco e nero.
Che siano strette o larghe, le onde sono in grado di esaltare il fascino delle chiome di ogni tipo: le onde rendono esplosive le rosse, romantiche le bionde, sofisticate le brune. E quelle con lo shatush? A dir poco irresistibili! Il vintage wavy hairstyle è perfetto per un’occasione glamour come il veglione di capodanno, una prima a teatro, una cena speciale in un locale chic o il matrimonio della migliore amica: meno scontate del classico boccolo, più raffinate del mosso selvaggio, le onde si addicono ad uno stile ricercato e femminile.
Ho ceduto al fascino del wavy hairstyle in occasione dell’ultima notte dell’anno, lasciandomi ispirare dagli ondulati d’autore delle dive da red carpet: ho deciso poi di personalizzare il tutto (con l’aiuto del mio parrucchiere, s’intende, che io a malapena so farmi la pony tail!) , appuntando le ciocche da un lato con un ferretto prezioso, in modo da mettere in risalto gli orecchini gioiello (Mango) scelti per l’occasione. Due dita (facciamo tre, va!) di rossetto rosso, uno smokey eyes sobrio e discreto, una passata di blush e di mascara…et voilà!
Suvvia, appendiamo una volta per tutte al chiodo la felpa oversize alla Bridget Jones e vestiamoci di solo pizzo e bluse in georgette. Impegniamoci a far si che lo chignon basso e serioso, le trecce da figlie dei fiori e la coda tirata a lucido da campionesse di atletica siano le trovate beauty della settimana lavorativa e non quelle del weekend: di venerdì e di sabato sentiamoci più Rita Hayworth e meno Ugly Betty, più Dita Von Teese e meno Lynette di Desperate Housewives.
Ecco gli ondulati a cui ispirarsi.
Semi raccolti come Jennifer Lopez
Bon ton come Taylor Swift
A tutto volume come Megan Fox
Sbarazzini come Carey Mulligan
Low profile come Anne Hathaway
Tirabaci come Julianne Hough
< br />