L’abbronzatura perfetta vien…mangiando!

Non solo beauty solari: sapevi che per avere una tintarella invidiabile (e soprattutto sana!) devi puntare anche su un’alimentazione corretta ed in grado di stimolare la melanina (pigmento cutaneo che protegge la pelle dai raggi UV ed al tempo stesso ne esalta l’abbronzatura)?

Il sole: un amico da tenere a debita distanza.

 

Il sole è un elemento indispensabile per l’organismo: favorisce la produzione di vitamina D (fondamentale per le ossa) ed ha diverse implicazioni positive sull’umore, sul ritmo sonno-veglia e sulla secrezione di diversi ormoni. Le radiazioni solari vengono in gran parte filtrate dall’atmosfera, ma quelle che riescono ad oltrepassarla arrivano direttamente sulla nostra pelle e sono responsabili, oltre che della tanto agognata abbronzatura, anche del danneggiamento di capillari, collagene ed elastina, di eritemi e di un aumentato rischio di tumori cutanei. 

E’ quindi fondamentale esporsi al sole, sì fighe in bikini, ma anche con tutto il dovuto buonsenso:

a) Usare SEMPRE una protezione solare adeguata al proprio fototipo (dubbi? chiedi al tuo dermatologo!);

b) Bere tanta acqua (meglio se no gas e a temperatura ambiente)

c) Ridurre al minimo  le esposizioni nelle ore centrali della giornata (12-16);

d) Indossare un cappello/bandana soprattutto nella fascia oraria più calda;

e) Consumare alimenti idratanti e che contengano sostanze fondamentali in grado di proteggerci dallo stress ossidativo dei raggi UV.

Abbronziamoci…a tavola!

I cibi abbronzanti per eccellenza sono quelli ricchi in beta caroteneprecursore della vitamina A, in grado di favorire l’attività dei melanociti (le cellule cutanee che rilasciano la melanina). Consumare alimenti ricchi di beta carotene non solo permette di assicurarsi un’abbronzatura impeccabile, ma protegge anche la pelle dalle radiazioni e dalle scottature solari grazie al forte potere antiossidante e all’importante capacità di rafforzare il sistema immunitario.

Beta carotene…what?

Gli alimenti ricchi di carotenoidi sono i vegetali di colore giallo, arancione e verde, in particolare carote, radicchio e albicocche, seguiti da cicoria e lattughe, meloni gialli, sedano, peperoni, pomodori (ricchi in particolare in licopene, sempre appartenente alla famiglia dei carotenoidi), pesche, cocomeri e ciliegie, nespole, barbabietole rosse, angurie, broccoli e rucolaInoltre, i carotenoidi sono composti liposolubili (si sciolgono nei grassi) ed il loro assorbimento sarà pertanto maggiore se condiamo i piatti con un paio di cucchiaini di olio extravergine di oliva (altro alimento dalle note proprietà antiossidanti).

Stay…idratata!

Una eccessiva esposizione ai raggi UV è infatti in grado di provocare disidratazione della pelle: il segreto per avere una pelle, oltre che abbronzata, anche bella, idratata e luminosa è dunque bere tantissima acqua (almeno 2 litri al giorno). È bene sapere inoltre che alcune bevande non reidratano la pelle, ma hanno uno spiacevole effetto contrario: via libera dunque ad acqua, spremute e centrifughe – preferibilmente home made – limitiamo quanto più possibile invece il consumo di alcolici, bibite gassate e zuccherate.

Last but not least, anche frutta e verdura ci aiutano nella conquista della tintarella: da un lato reintegrando l’acqua ed i sali minerali persi con la sudorazione (proteggendo così l’organismo da “colpi di calore” e dagli altri effetti delle temperature troppo alte), dall’altro attivandosi contro lo stress ossidativo da raggi UV (responsabile, tra le altre cose, della comparsa delle rughe).

Consumare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno – nei 5 colori della salute e preferibilmente cruda o cotta al vapore – ci permette di fare il pieno di sostanze antiossidanti.  Via libera quindi a macedonie, smoothie ed insalate!

Preziosi alleati.

Tra gli antiossidanti, oltre al beta carotene e alla vitamina A, ritroviamo anche altre vitamine quali la C e la E, sali minerali quali zinco e selenio ed i polifenoli.

  • La vitamina C  innalza le difese immunitarie e combatte l’invecchiamento precoce della pelle: la ritroviamo soprattutto nei kiwi, nei frutti di bosco, nelle arance e nella papaya.
  • La vitamina E gioca un ruolo fondamentale nella protezione della pelle dall’invecchiamento e dalla secchezza post esposizione solare:  via libera dunque a germe di grano (ricche anche in vitamina B: un buon motivo in più per dire sì ai carboidrati, purché con moderazione!), olio d’oliva, semi di lino e di sesamo, frutta secca ed avocado. Inoltre, se abbinata al selenio (come nei funghi, nei pomodori, nelle cipolle, nei broccoli e nei cereali integrali), oltre a rafforzare l’effetto anti-age, migliora il colore dell’abbonzatura. 
  • Lo zinco è maggiormente presente nella carne, in particolare quella di manzo, ma anche in alimenti vegetali quali cereali, legumi e frutta secca: esso ricorpre un ruolo importante nel mantenimento dell’elasticità della pelle e proteggendo dalla comparsa di brufoli ed inestetismi.
  • I polifenoli, contenuti in generale nella frutta, nella verdure fresche (in particolare in mirtilli, uva e lamponi) e nell’olio extravergine di oliva, sono in grado di contrastare il photo-aging oltre che di regolare la microcircolazione cutanea, diminuendo la sensazione di calore.
  • Erbe aromatiche quali timo, salvia, cumino, pepe nero, rosmarino e origano, tra l’altro ottime per rendere più gustose i piatti.

Tintarella…con gusto.

Dulcis in fundo, parliamo di acidi grassi ed in particolare degli omega 3: questi sono fondamentali per proteggere dal sole e riparare le fibre di collagene ed elastina che, come abbiamo visto, vengono danneggiati dai raggi ultravioletti. Ne sono ricchi pesce e frutti di mare, da consumare 3-4 volte a settimana, ma anche frutta secca e semi che è possibile consumare quotidianamente in porzioni di circa 30 g al giorno, in modo da mantenere la pelle nutrita ed elastica.

Il consiglio in più:
La natura sa di cosa abbiamo bisogno in ogni periodo dell’anno: rispettiamo la stagionalità di frutta e verdura e saremo in grado di godere di ogni beneficio dei suoi prodotti, senza ricorrere a particolari stratagemmi…abbronzatura da Miss California compresa!

(Contenuti a cura della Dr.ssa Maria Rosaria Silvestri, biologa nutrizionista.)