Amore, sei più bella senza trucco.

E lo credo bene, visto che ti sei spalmata a mò di “pane e burro” tre chili di fondotinta e altrettanti di correttore.
Ma cosa usi, le spatole del piastrellista?! Il defunto pennello “Cinghiale”?!

E’ incredibile come certe ragazze, prese dal fervore del maquillage low-cost (H&M, ‘tacci tua), si improvvisino esperte make-up artist, manco fossero Diego dalla Palma. Passano ore ed ore su Youtube a sciropparsi l’ennesimo tutorial (quando a quest’ora si sarebbero potute prendere un diploma da estetista!): “Come truccarsi al primo appuntamento” – “Come mettere il mascara se vuoi avere quel posto di lavoro” – ” Come dare profondità al viso anche se di profondo ti è rimasta solo la vagina”.

Non ci sarebbe niente di male se le fanciulle in questione fossero dotate di senso estetico, manualità e soprattutto intelligenza. Le suddette sedicenti truccatrici fanno concorrenza a Patty, la Drag Queen e a Moira Orfei ai tempi d’oro: ombretti pagliuzzati, ciglia finte che manco la bambola assassina, rossetto rosso macaco (Brenda di Beverly Hills 90210, docet) e l’immancabile sopracciglio tatuato. Orrore.
Molte sicuramente hanno ereditato i trucchi della mamma, visto che certe nuance di ombretto le ricordo addosso solo a Jessica Fletcher (La signora in giallo, ndr) tra un morto ammazzato e una mano di briscola. O forse era asso pigliatutto. Ciò che sicuramente non hanno ereditato è il buon gusto: care make-up artist mancate, un conto è truccarsi e valorizzare i propri punti di forza, un conto è farsi la maschera d’argilla per andare in giro. Un conto è alzarsi la mattina e con un tocco di mascara&gloss dare sembianze umane al proprio volto, un conto è spalmarsi in faccia tutto il contenuto del vostro beauty. Che sarà zebrato, sicuramente.


Propongo di cestinare almeno:
a) i rossetti aragosta,visto che non siete Silvana Pampanini (Silvà se stai leggendo tu, cambialo ti prego!);
b) il kajal nero colato, che fa molto “poraccia” di Bollywood;
c) il fondotinta arancione,( no) non siete belle manco un pò;
d) l’eyliner steso a mò di Cleopatra, visto che solo a quella disgraziata le riusciva che era una meraviglia (mentre voi sembrate battone scampate ad una retata);
e) il sopracciglio tatuato, fate spavento. Non sto scherzando.


Ragazze fate respirare la pelle, vedrete che a breve comincerà a farlo anche il cervello. 😉