#CHE-COSA-MI-METTO? – Serena, Deborah & Noncontofinoadieci special guest

La puntata dell’Italian Fashion Tea (che vi invito a seguire qui) di questa settimana pone al centro delle sue chiacchiere gli ultimi must di stagione: quei capi, quelle stampe, quei dettagli senza cui no, non è veramente estate. Ho colto così l’occasione per postare qualcosa di diverso, qualcosa che non fossero le mie solite chiacchiere a ruota libera: ho deciso di condividere con voi e con le altre lettrici dell’IFT alcuni scatti risalenti alla scorsa estate. Spero che inserendoli nella nostra rubrica del #CHE-COSA-MI-METTO?, possano essere utili e di spunto per qualcuna di voi. A seguire i miei consigli tarallucci&glamour per Serena e Deborah, le protagoniste di questa nuova puntata.

Complice l’abbronzatura e le splendide acque di Gallipoli, mi sono divertita a farmi fotografare con indosso alcuni dei miei capi preferiti che, neanche a farlo apposta, si trovano perfettamente in linea con le ultime tendenze. Potrei perfino montarmi la testa come la panna sulle fragole e urlare ai quattro venti che “Non è D. a seguire la moda, bensì il contrario!“, ma dal momento che il denim e le stampe floreali sono vecchi come il cucco, posso solo che essere compiaciuta di avere già nel mio guardaroba due capi che-senza-dove-te-ne-vai. Per una volta ho voluto vestire i panni della fashion blogger poraccia, che non può vantare interminabili collezioni di scarpe e borse haute couture, nè tanto meno un boyfriend/zerbino che la fotografi anche mentre va a buttare la spazzatura: ho voluto piuttosto condividere con voi un’idea, più precisamente un look fresco, che profuma di estate e di serate all-night-stand. Un matrimonio perfetto quello tra il denim e il floral print: l’ideale per un aperitivo nel locale on the beach più chic della tua città, pratico e femminile per una serata girls only, romantico ma not too much per un primo appuntamento. Un appuntamento in cui i baci hanno il sapore del sale, speriamo per la salsedine e non per la frittura di calamari.

Un abito soffice ed impalpabile, che cade morbido sulle forme, un giubbino in denim delavè di qualche anno fa: per l’occasione ho abbinato un paio di sandali flat gioiello e una pochette bianca, che qualora necessitiate di un look più elegante, possono essere facilmente sostituiti con un tacco dodici, in una nuance calda come il cipria o il sabbia, e con una mini clutch rigida.


Un maxi anello dalle linee vintage, un bracciale effetto madreperla ed un paio di orecchini rubati al portagioie di mia madre: scegli un paio di punti luce ed un tennis prezioso se l’occasione lo richiede, evita piuttosto l’effetto “Madonnina del Pettoruto”, caricandoti di gioielli e brillocchi, dal momento che la fantasia floreale non ne ha bisogno.

Abito: Guess
Denim: Richmond
Sandali: Primadonna
Bag: Just Cavalli
Ring: H&M
Location: Gallipoli
Occasione: aperitivo/cena in centro
———————————————

Serena è una che le cose le vuole fare per tempo. Le occasioni last minute e le illuminazioni dell’ultimo secondo non fanno per lei. Meglio progettare con calma, soprattutto se si tratta di un look per un evento speciale.


Occasione: Laurea (fratello)
Location: Olanda (!!!)
Dal suo guardaroba: total black e/o una punta di corallo/ acquamarina
Yes, please: tacchi alti

Ah queste feste di laurea sono davvero uno stress: quando è un ragazzo a laurearsi, ho sempre la vaga impressione che abbiano più ansia da performance le invitate all’evento (leggi, fidanzate/sorelle/madri) durante la scelta del loro outfit, piuttosto che il povero laureando alla prese con una commissione di professoroni. Ma è solo una mia impressione. Magari mi sbaglio.
Il corallo è indubbiamente tra le nuance must have della nuova stagione e trovare un compromesso con il tuo amato total black non è poi così impossibile, devi solo decidere se indossarlo come accessorio o come capo base. Se sei un tipo sbarazzino (e se puoi contare su un bel lato b), potresti optare per un chamisier civettuolo, rigorosamente nero, da impreziosire con bangles dorati, tacco dodici e maxi handbag rosso corallo. Se preferisci qualcosa di insolito, potresti optare per una maxi shirt dal taglio maschile, rigorosamente abbottonata e in rosso corallo, da impreziosire con un collar estroso, skinny jeans nero, pochette da giorno, occhiali da diva e ai tuoi piedi un paio di ankle boots open toe (visto che forse a Settembre non sarà più tempo di sandali). Se infine non vuoi rinunciare alle gambe in bella mostra, puoi sempre sostituire i pantaloni con una gonna stretch o un paio di shorts neri a vita alta, da indossare con una tee bianca lavorata, blazer castigato e girocollo coral da cocktail party. 


———————————————

Deborah ha trovato da poco un impiego part-time in una zona in della sua città: dovendosi spostare con i mezzi, cerca il connubio perfetto tra comfort e glamour da sfoggiare sul posto di lavoro.


Location: call-center
Yes, please: capi freschi, pratici
No, please: jeans effetto “sauna”, look troppo informale


Chi l’ha detto che solo le portaborse di Anna Wintour vengano colte da una crisi di panico ogniqualvolta aprono gli occhi al mattino chiedendosi: e-mò-che-cippa-mi-metto-per-andare-in-ufficio? L’unico vantaggio di noi comuni mortali, rispetto alle assistenti zerbino di Annuccia, è quello di poter contare su un paio di sneakers colorate o di ballerine flat, non essendo costrette ad indossare necessariamente tacco dieci anche quando fuori c’è l’uragano Katrina. Si, siamo donne molto fortunate.
Volendo abolire del tutto il jeans skinny, potresti optare per un paio di bermuda colorati, appena sopra al ginocchio: io ne possiedo un paio verde prato, con cavallo basso, che abbino generalmente ad un top bianco con scollo quadrato e sandali/ballerine flat. Il tocco in più: una fusciacca a fantasia al posto della solita cintura tra i passanti. Aria condizionata? Indossa una camicia boyfriend in blue jeans sopra il top! Se ami i look romantici puoi optare per un vestitino a giro manica, non eccessivamente corto e con scollo a barca, magari in una fantasia vintage come gli intramontabili pois: strizzalo in vita con una cintura marrone bruciato ed abbinala ad una maxibag e ballerine ton sur ton. Valuta anche l’idea di sceglierlo in una fantasia rigata o floreale, potresti alternarlo ad un chemisier fresco, in denim o tinta pastello, da indossare con leggings, sandali flat e satchel bag a tracolla. Ricordandoti sempre di preferire orli sobri e scollature castigate: si sa, le malelingue non stanno mai al loro posto, specie sul posto di lavoro.


Scrivimi anche TU
noncontofinoadieci@gmail.com