"Con il nastro rosa: Italian Bloggers United" – Federica, Francesca e Fabiola

Mi piace pensare alle donne come ad un esercito di combattenti silenziose: la guerra ai chili di troppo, agli immaturi in amore, all’età che avanza o al mutuo da pagare. Mi piace immaginare noi donne come delle creature forti e leali, in grado di poter contare le une sulle altre non solo nei momenti difficili, ma anche in quelli più importanti. E se è vero che esistono le ex amiche, le colleghe invidiose e le madri snaturate, io voglio continuare a credere che dalle donne abbia origine il bene e che per le donne si possano fare cose meravigliose: ed è proprio per questo che sono decisa ad abbracciare una carriera che mi consenta di far parte di un sistema che di queste benedette donne, pragmatiche, lunatiche o svampite che siano, voglia prendersi cura.
Ecco dunque Federica, Francesca e Fabiola, le prime tre protagoniste di “Con il nastro rosa – Italian Bloggers United”, progetto blog-friendly interamente dedicato al mese della prevenzione del tumore al seno : un fiocco rosa che possa essere simbolo di speranza e progresso, ma anche di unione e solidarietà tra compagne di gentil sesso.

Federica Orlandi – “Le FreakS” : Eroine di noi stesse.

Non ho mai pensato che essere donna fosse semplice, a volte ho creduto che nascere uomo sarebbe stata la strada più breve per arrivare alla meta. Venire al mondo donna significa vivere una sfida continua, dovendo dimostrare giorno dopo giorno chi siamo e quanto valiamo; tutti staranno lì a preoccuparsi della nostra fragilità, molti saranno spaventati dalla nostra forza, nessuno scommetterà sul nostro coraggio. E allora? Proprio per questo so che ci sarà da lottare, e anche se le sconfitte saranno amare, le vittorie saranno ancora più dolci, perché lungo il percorso non avrò trovato alcuna strada già spianata. Le mie eroine sono le donne che ce l’hanno fatta, quelle che, contro tutto e tutti, si sono prese i propri diritti e si sono guadagnate un pezzo di storia, un ricordo immortale. Le mie eroine non sono quelle nei libri, ma sono quelle che i libri li hanno scritti; sono le donne intelligenti, intraprendenti, profonde e a tratti frivole, ironiche, appassionate, che giorno dopo giorno arricchiscono il mio mondo. Una foto, dei libri, dei libri di donne, di grandi donne, e un nastro rosa: perché la lotta non è ancora finita.

——————————————————————

Francesca Tuccori – “Fatevi cucinare da Francesca” : Si, col cavolo! (O con il cioccolato.)

Ormai è risaputo: una sana e corretta alimentazione aiuta a vivere bene e più a lungo. Poco sale, pochi grassi, niente alcool, poca carne rossa… tutti ottimi consigli per non rovinare il nostro corpo prima del tempo. Ma questi sono i consigli della nonna che tutte già conosciamo…Sapevate invece che esistono cibi che ci aiutano a prevenire i tumori?? E ne esistono anche di appetitosi! Avete mai assaggiato una zuppa di miso? No? Fatelo! Datemi retta! La soia, che fermentata diventa appunto miso, è ricca di isoflavoni, sostanze che prendono il posto degli estrogeni  sui recettori delle cellule. Consumare soia in ogni sua forma fin dalla giovane età riduce il rischio di tumore al seno e di quello alla prostata….un’ottima scusa per organizzare una bella cenetta a lume di candela almeno una volta a settimana, non trovate? Fra gli ortaggi, il vincitore della categoria “Prevenire è meglio che curare” va invece ai cavoli! Mangiare almeno cinque volte la settimana verze, cavolfiori o cavoletti di Bruxelles dimezza il rischio di cancro alla vescica, al seno, al polmone, all’intestino e alla prostata. Ok ok… sono d’accordo con voi: il cavolo non è esattamente la verdura più buona al mondo, ma ci sono un milione di modi per prepararli. Provate a condire un bel piatto di pasta integrale con dei cavoletti di Bruxelles lessati e frullati e dei porri cotti in latte di soia: non ve ne pentirete. Ed ora veniamo alle belle notizie: ragazze, la cioccolata ci fa bene!!!! Una tazza di cioccolata calda contiene cinque volte più antiossidanti di una tazza di tè nero e tre volte più di una tazza di tè verde. Ovviamente c’è il rovescio della medaglia, perché la cioccolata è anche ricca di calorie, grassi e zuccheri. Quindi scegliete sempre cioccolato fondente
di ottima qualità… e non esagerate se non volete diventare tutte ciccia e brufoli! 
Questi naturalmente sono solo alcuni esempi di come il cibo ci possa aiutare nella lotta al tumore al seno, ma potete trovarne altri su internet o chiedendo al vostro medico di fiducia. E non dimenticate mai di darvi una “tastatina”quando siete sotto la doccia!

——————————————————————

Fabiola Tinelli – ” Wildflower Girl” : Prevenire è meglio che curare.

Un semplice nastro rosa che avvolgeva un mazzo di fiori. Un semplice gesto che però riesce a far sentire importanti, può dare un po’ di colore e gioia. Un’attenzione che è bello ricevere e non si dovrebbe mai dimenticare. Come non si dovrebbe mai scordare di prendersi cura di se stesse oltre che degli altri. A volte basta molto poco per farlo, come nel caso della prevenzione contro i tumori al seno. Un paio di anni fa proprio grazie all’autopalpazione ho scoperto un piccolo nodulo. Niente di grave per fortuna, ma dal momento che poi andava ad ingrossarsi, insieme alla mia ginecologa e al chirurgo ho deciso che sarebbe stato meglio toglierlo. La mia non è fortunatamente una storia drammatica, il nodulo era benigno e l’operazione molto ben riuscita, per nulla invadente o deturpante . Quello che ci tengo a dire è che in molti casi siamo noi le prime a doverci prendere cura di noi stesse, rivolgendoci poi a persone competenti che ci aiutino a prendere le decisioni giuste.

A giovedì prossimo.

(Vuoi unirti anche tu al nostro #conilnastrorosateam? Immortala il tuo nastro rosa su Instagram e condividilo con gli hashtag #conilnastrorosa, #conilnastrorosateam! Le tue foto verranno pubblicate sulla pagina facebook di Non Conto Fino A Dieci! )