La contraccezione è un gioco da ragazze. (E dobbiamo vincere insieme!)

Passi i primi diciassette anni della tua vita a sognare il principe azzurro e poi ad un certo punto ti dicono che ‘sto “principe azzurro” (aka l’uomo perfetto) non esiste. Che ti dovrai accontentare di “visualizzati senza risposta”, anniversari dimenticati e cesti di corna che manco il papà di Bambi.

Anzi, un giorno ti verranno a dire che di perfetto – a questo mondo – non c’è proprio un bel niente. E scusa, sai, se quando avevi l’apparecchio correttivo e la stessa self-confidence di un budino dozzinale, ce l’abbiamo messa proprio tutta per farti credere di essere “imperfetta”, eheheh, ma si scherzava, eh. Che la perfezione non esiste, che only God can judge me e bla bla bla.

(Poi dici che una va in terapia.)

Allora, amiche, facciamo un po’ di chiarezza: forse sarà vero che “la perfezione – nel senso più stretto e filosofico del termine – non esiste” (anche se guardando i selfie di Claudio Marchisio, un dubbio spontaneo mi sorge, comunque, passiamo oltre!), ma è altrettanto vero che a questo mondo possa esistere qualcosa (o qualcuno!) “perfetto” per TE. Che non importano i “difetti di fabbrica” o quale sia l’opinione altrui a riguardo: a te va benissimo così com’è.

Il jeans che resiste imperterrito alle mode passeggere, l’amica del cuore dal carattere difficile, la pastasciutta della nonna (con una quantità di sugo che manderebbe in crisi mistica Carlo Cracco) o…il contraccettivo che usi.

Si, avete letto bene:

c-o-n-t-r-a-c-c-e-t-t-i-v-o.

Perché il contraccettivo giusto (o meno sbagliato!) per ognuna di noi esiste davvero! E non guardatemi con quella faccia da Lucia Mondella: se c’è un taglio di capelli più adatto ad una certa forma del visto, non vedo perché non ci dovrebbe essere anche un metodo contraccettivo più confortevole alla vita sessuale di ognuna.

Che ragazze mie, siamo nel 2016: conosciamo perfettamente la differenza tra contouring e strobing, sappiamo distinguere le sorelle Jenner l’una dall’altra, padroneggiamo la lista di fidanzate di Zac Efron che manco la Giacobini…e quindi non si può sentire che siamo sprovvedute proprio in fatto di contraccezione.

A tal proposito venerdì scorso sono stata ospite del talk-showLa contraccezione è un gioco da ragazze” (la diretta live è ancora disponibile nella sezione video della mia pagina Facebook), un appuntamento “a tinte rosa” organizzato da MSD Italia – che già da qualche anno si tiene a Roma nel corso del congresso “All you need is love: amore e ormoni nella vita delle donne”. Insieme a Roberto Bernorio – stimato ginecologo, psicoterapeuta e sessuologo clinico – ed Annalisa Manduca – noto volto del giornalismo – ci siamo confrontati in tema di contraccezione e siamo giunti ad un’unica grande conclusione: bisogna parlarne (molto) di più.

Perché “contraccezione” non è solo “preservarsi da gravidanze indesiderate”, ma anche – e soprattutto – fare prevenzione. E “fare prevenzione” è un modo come un altro per amarsi (ed amare il proprio partner).

img_2237img_2247img_2246

(Momento “Mike Bongiorno”)

  • Quante di voi sanno che il preservativo è praticamente l’unico contraccettivo che ci protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili? (E quante di voi soprattutto sanno cosa sono queste malattie e quello che comportano a lungo andare?)

  • Quante di voi conoscono la differenza tra pillola, cerotto e spirale? (E quante di voi ne hanno mai parlato con il proprio ginecologo?)

  • Quante di voi sanno cos’è l’anello vaginale? (E quelle che ne hanno sentito parlare, sanno che è affidabile quanto la pillola ma con minor dosaggio ormonale, che prevede una sola assunzione mensile e che – grazie al comodo applicatore – si inserisce come se fosse un assorbente interno?!)

E’ vero, spesso – soprattutto per le giovanissime – può essere difficile documentarsi in modo affidabile sulla “contraccezione” (tabù, timidezza, leggende metropolitane), ma da oggi voglio darvi un buon motivo per non avere più scuse per essere impreparate in materia: www.lapillolasenzapillola.it.

 

Un sito interamente redatto da esperti del settore, facilissimo da consultare e sempre aggiornato sul tema, in cui troverete le risposte alle domande che avreste sempre voluto fare. E grazie al quale scoprirete che si, il contraccettivo più adatto alle tue esigenze esiste davvero.

Last but not least: siate donne moderne, informatevi, prendete in mano le redini della vostra salute, rispettate il vostro corpo, cercate di vivere la sessualità in modo sereno e cosciente (si può fare del gran sesso anche senza correre rischi di salute, lo sapevate?!), non abbiate paura di parlare di sesso o contraccezione, affidatevi ad un bravo ginecologo.

Che la contraccezione è si un gioco da ragazze, ma ci insegna anche a diventare donne.