Detox: libera da tutto ciò che non ti serve.

Sai qual è la parola d’ordine in previsione di qualsivoglia remise en forme? Disintossicarsi! In questo terzo appuntamento, dopo aver imparato a fare una spesa salutare e ad organizzare i principali pasti della giornata) vedremo infatti come affrontare al meglio una “dieta disintossicante“.

Cos’è?

Un percorso detox è innanzitutto un regime alimentare adatto ad essere seguito per non oltre 3-5 giorni: esso non è infatti una dieta dimagrante, ma un insieme di accortezze alimentari utili per eliminare il gonfiore e le scorie accumulate a causa degli eccessi alimentari (Natale, Pasqua e barbecue del 1° maggio vi dicono niente?!) , in modo da ristabilire le normali condizioni fisiologiche dell’organismo, in particolare di fegato ed intestino (gli organi maggiormente coinvolti).

Detox” non significa poi semplicemente ridurre l’apporto calorico, ma soprattutto consumare alimenti facilmente digeribili, poveri di grassi e di proteine: le sostanze necessarie a sostenere i vari processi di disintossicazione si trovano dunque in particolare nei vegetali, negli alimenti integrali, nelle uova e nel pesce.

Una dieta disintossicante deve anche essere in grado di facilitare l’eliminazione delle tossine per via urinaria e fecale (a tale scopo posso essere utili gli alimenti diuretici e quelli con proprietà lassative), oltre che tramite il sudore, via che può essere potenziata dall’attività fisica (e ricorda che l’attività fisica, se appropriata ed equilibrata, fa bene al cuore e all’umore, oltre che alla circonferenza del tuo punto vita!) o da trattamenti quali sauna e bagno turco (coccolati un po’!).

Cosa mangiare?

Una dieta depurativa prevede l’assunzione di cibi freschi e non preconfezionati (con particolare attenzione alla stagionalità degli alimenti). Nel post precedente abbiamo più volte ribadito l’importanza delle verdure e degli ortaggi (da consumare giornalmente e più volte al giorno) ed in un regime detox la regola non può che essere la stessa (con qualche piccola accortezza in più).

  1. Prediligi i broccoli e le verdure a foglia verde (come l’insalata, gli spinaci e la cicoria), che hanno importanti effetti depurativi a livello epatico;
  2. Varia con i carciofiche oltre a favorire la salute del fegato e la funzionalità della colecisti, hanno un lieve effetto diuretico (utile per eliminare le tossine), un effetto ipolipemizzante e ipocolesterolemizzante;
  3. Prova la barbabietola rossa, estremamente ricca di sostanze responsabili dell’eliminazione di tossine dall’organismo (incentiva in questo fegato, cistifellea, stomaco ed intestino).

 

 

Idratare!

Bere tanta acqua è necessario per reidratare l’organismo.  Ma che significa esattamente bere “tanta” acqua? Considera che in media dovresti bere tra i 6 ed i 10 bicchieri d’acqua al giorno (con particolare attenzione al primo mattino e nei momenti lontani dal pasto): se sei magari un po’ pigra sulla questione, può esserti utile tenere un diario giornaliero o scaricare una delle tante app  per smartphone “a tema”.

Anche le tisane sono utilissime per combattere la ritenzione idrica: grazie alle proprietà benefiche delle erbe utilizzate, favoriscono infatti l’azione drenante e depurativa dell’organismo. Prediligi in questo senso tisane ed infusi a base di carciofo, betulla, ortica, tarassaco, gramigna, borragine, cardo mariano, curcuma, menta, finocchio, zenzero e liquirizia.

 

I pasti della giornata.

Colazione

Ricorda di fare sempre colazione (ne avevamo parlato già qui!) : prova i fiocchi di avena (ad esempio aggiunti allo yogurt) non solo perché contengono buone concentrazioni di tutti i macro e micronutrienti necessari per darti energia, ma anche perché la fibra solubile contenuta in essi ti aiuta a vincere gli attacchi di fame e a regolarizzare l’intestino. L’avena contiene poi acido linoleico, utile per abbassare i livelli di colesterolo e di zuccheri nel sangue.

Ottimi anche il tè verde, che ha una buona azione detossificante (mai provato in infusi con cannella e zenzero?), e le fette biscottate integrali con un velo di marmellata o miele.

Ricorda che il miele è il sostituto salutare di zuccheri e dolcificanti; puoi anche eventualmente mescolarne un cucchiaino con dell’acqua tiepida e del succo di limone per disinfettare l’organismo.

Pranzo e Cena

Cerca di limitare i carboidrati (ed eventualmente prediligi quelli integrali), associandoli a verdure e legumi nello stesso pasto, mentre devono essere totalmente aboliti alcol (su, non guardarmi con quella faccia!), bevande zuccherate, prodotti industriali, fritti (non guardarmi con quella faccia 2.0!) e grassi, con eccezione dell’olio extravergine di oliva (da usare comunque a crudo e con dovuta moderazione). Sarebbe inoltre opportuno ridurre l’utilizzo del sale (che può essere prontamente sostituito da spezie come origano, cannella, prezzemolo e rosmarino).

Il trucco in più

Bevi un bicchiere d’acqua con limone e semi di lino appena sveglia e a stomaco vuoto: prima di andare a dormire, metti un paio di cucchiaini di semi di lino (li trovi in erboristeria, al supermercato o in qualsivoglia negozio bio!) in un bicchiere di acqua tiepida e lasciali macerare per l’intera notte, poi al mattino filtra il tutto con un colino e aggiungi del succo di limone.

Perché proprio i semi di lino? Essi sono ricchi di sostanze importanti come  acidi grassi “omega 3” e “omega 6”proteinevitamineminerali e mucillagini: con questo infuso beneficeremo proprio dell’azione di quest’ultime, utilissime per regolarizzare l’intestino. L’azione delle mucillagini sarà poi potenziata da quella del limone, che invece, stimolando il rilascio di enzimi, rende le tossine solubili e quindi più facilmente eliminabili.

(Articolo redatto con la consulenza della Dr.ssa Maria Rosaria Silvestri, Biologa Nutrizionista.)