Dipendenza da "camel". Il colore, non le sigarette.

Che le sigarette facciano male alla salute, non è certo una novità. Se poi vogliamo aggiungere anche il fatto che ingialliscono i denti e che, oramai, di rebel chic hanno ben poco, direi che è il caso di cestinare certe brutte abitudini come il fumo e di lasciarsi tentare piuttosto da nuovi tipi di dipendenza. Come quella dai capispalla “camel “, uno dei trend-alert più ghiotti della nuova stagione.

Quello del soprabito in nuance cammello è un ritorno di fiamma assai gradito: perfetto per iniziare con stile una lunga giornata di lavoro, irresistibile al primo imbrunire dell’orizzonte. Il color cammello è un prezioso asso nella manica di qualsivoglia fashionista, dal momento che dona indistintamente a tutte, rendendo più sofisticate le brune e piacevolmente seriose le bionde. Figuriamoci che cosa non può fare con le irriducibili dello shatush!
Accattivante se accostato al denim, al corallo o al total black, da vere fuoriclasse se abbinato al bianco in inverno.

Un capospalla color cammello può facilmente essere personalizzato a tuo piacimento: sdrammatizzalo con una pochette stampata, impreziosiscilo con un foulard divertente o chiudilo in vita con una cintura gioiello. C’è chi lo indossa con le sneakers e chi con il tacco a stiletto, chi lo preferisce in versione mantella e chi invece in versione “egg coat“: qualsiasi sia il tuo stile, avrai sempre un buon motivo per indossare una nuance così modaiola e versatile, che unisce lo spitito civettuolo da 5th Avenue ai colori estranianti del deserto…un connubio praticamente perfetto per qualsiasi occasione.
Scegli il modello che si addice di più al tuo fisico e alla tua fashion-philosophy, stendi due dita di rossetto borgogna (la morte sua!)…e sentiti divina come Kate Moss ed il suo inseparabile trench Burberry.
Per un consiglio di stile personalizzato scrivimi a :
noncontofinoadieci@gmail.com