Donne che odiano gli uomini. Quelli veri.


Ben venga la fine del mondo. 
Ben venga la profezia dei Maya. 
Ben vengano le tempeste di sabbia e le invasioni di cavallette. 

Se dopo il coming out di Ricky Martin e i rumors su Keanu Reeves avevo preso in considerazione l’opzione di farmi togliere le tube di Falloppio, alla luce della classifica degli Uomini più sexy del mondo stilata da Uk Glamour ho deciso di cambiare sesso. O forse specie animale.
Secondo il magazine inglese, o meglio secondo le sue lettrici (che a quanto pare hanno un livello di estrogeni pari a quello di un neonato), l’uomo più sexy del mondo sarebbe quel ghiacciolo allampanato di Robert Pattinson, meglio conosciuto come Edward Cullen, il succhiasangue.
Spero vivamente che questo brillante risultato sia frutto di una mega sbronza di gruppo, di una festa sfasciona tra cheerleader, di un cocaparty con le cornamuse in sottofondo. 

Girls please, mi state prendendo per il culo?

Ci deve essere necessariamente un problema di lettura, di comprensione, di analfabetismo. Darling, ti ho chiesto di eleggere l’uomo più sexy del mondo, non il sosia del tuo compagno di pomiciate. Non ti ho chiesto di eleggere l’emblema della bellezza nordica, nè chi secondo te dovrebbe essere il nuovo testimonial per la Clear. Me ne frego se bevi la birra alle dieci della mattina e vai avanti a pudding e fish&chips, non è colpa mia se io c’ho la dieta mediterranea e tu no. Non è colpa mia se vai avanti ad infusi di tè alle cinque di pomeriggio e c’hai più liquidi in corpo di una spugna di mare, ciò non ti autorizza a berti anche il cervello. 
Voglio parlare con il ministro britannico delle pari opportunità: toglietele tutte a questo branco di bimbeminkia, compresa quella di votare. Se eleggono come uomo più sexy del mondo un vampiro che ha smesso l’altro ieri di usare il Topexan, come minimo voteranno a favore del nucleare e della legge del taglione. 
Se il pallido Edward sorride beffardo al primo posto, la medaglia d’argento va al suo compagno di merende, Taylor Lautner, l’uomo lupo. Bastano un paio di occhi scuri e un addome a grattugia, che ‘ste inglesi non ci capiscono più niente. Mi rendo conto che la metà degli uomini del loro paese abbia la couperose e il punto vita di Dita Von Teese, ma sinceramente, chissenefrega. A questo punto non mi sorprenderebbe se eleggessero come la più sexy del reame Kristen Stewart, quell’altra merluzza là, quella che fa Bella, l’amica dei vampiri. Che poi detto tra noi, Bella, un par di ciufoli.

Per fortuna, in un raro momento di lucidità, la medaglia di bronzo è stata assegnata all’eterno Johnny Depp e il quarto posto a quel fustacchione di David Beckham. Oh Happy Day. 
Vorrei però concentrare l’attenzione sull’assegnazione del sesto e del decimo posto, rispettivamente a Gerard Butler e al Principe Harry.

What the fuck?

Non voglio capacitarmi dell’idea che esistano donne insensibili a cotanta prestanza. Non voglio credere che vi siano esseri dotati di vagina e clitoride che non risentano della tempesta testosteronica posseduta da questi due rari esempl
ari di maschio. Lo sguardo di Gerard è la prova inconfutabile che il punto G esiste. E sto parlando di uno sguardo attraverso uno schermo, una fotografia, figuriamoci dal vivo. Come minimo quell’uomo è dotato del potere di ritardare la menopausa e di far ritornare le voglie a Rita Levi Montalcini. Se mai le abbia avute. E vogliamo forse parlare di Harry? Scavezzacollo, impertinente, fannullone, dite quello che vi pare, ma agli ormoni non si comanda. Colui che ha calamitato l’attenzione di mezza Inghilterra durante il matrimonio del fratello, spodestando l’abito da sposa di Alexander McQueen, la pelata di William e il culo di Pippa, è finito in fondo alla classifica degli uomini più sexy del mondo. Dio dà il pane a chi non c’ha i denti. A noi Emanuele Filiberto e a loro quel figo, incompreso, di Harry.


Mi chiedo poi che fine abbiano fatto Jude Law, Brad Pitt, Tom Cruise e Orlando Bloom. 
Mi chiedo dove si siano cacciati Adam Levine, Ryan Gosling e Jake Gyllenhaal. Mi sentirei quasi in dovere di ingaggiare Federica Sciarelli e tutto il pubblico di Chi l’ha visto. Sarei quasi tentata di interpellare Meluzzi e Crepet al fine di far internare ‘ste quattro psicopatiche e il loro tristissimo asse ormonale. Si, ho preso molto a cuore questa cosa del sex appeal maschile. In una società continuamente minacciata dal mocassino e dal golfino da pensionato, sento di avere tutto il diritto di fare una bella strigliata d’orecchie alle nuove generazioni, che a quanto pare di uomini non ci capiscono poi molto.

I’m done. 
Sono avvilita fino all’utero.