Manda al diavolo ciò che non ti rende felice.

Mi sento troppo per tutti.

“Cara Doro, ho 20 anni e sono ancora vergine per scelta. Non ho mai avuto relazioni ‘durature’ ed ho alternato periodi ricchi di flirt ad altri di completa solitudine. Sono arrivata al punto di eliminare ‘Facebook messenger’ perchè non voglio che i ragazzi approccino con me in un modo così scontato: sarà che non riesco più ad accontentarmi, sarà che mi sento troppo ‘matura’ per tutti i ragazzi che ci sono adesso! So che anche il mio atteggiamento può rappresentare un problema: non voglio scendere a compromessi e non sono il tipo che si butta tra le prime braccia che incontra, pur di non restare sola. Dici che sarà dura trovar quel che cerco di questo passo…o ne varrà la pena? Io sono disposta ad aspettare…”

D.

Cara D., sei una ragazza che sa cosa vuole dalla vita e non devi certo fartene una colpa. Se con nessuno dei tuoi flirt passati ha funzionato, evidentemente non eravate pronti entrambi (ma è proprio collezionando flirt “sbagliati” che spesso si impara a riconoscere quelli “giusti”). Fai bene a vivere l’amore nel modo che più ti aggrada, ma voglio darti un consiglio: i ragazzi che ti girano intorno (“tutti” mi sembra un po’ esagerato, dai!) potranno anche essere “immaturi”, ma ricorda che a questo mondo nessuno è perfetto. Neanche tu. Il vero senso dell’amore poi è crescere e migliorarsi insieme: sono sicura che quando conoscerai una ragazzo davvero interessante, non ti farai scoraggiare dai suoi difetti. Non abbiamo bisogno del principe azzurro, ma di un uomo che ci faccia sentire vive.

————————————————–

Sono pronta per una nuova storia?

“Ciao, ho 29 anni, sono laureata in legge e sono sempre stata una ragazza brillante (a detta di molti). Sono tornata single da qualche mese, dopo una storia di quattro anni: mi sento svuotata ed è come se non mi reputassi più all’altezza degli altri. Ora mi interessa un ragazzo, ma lui non fa nulla per dimostrarmi qualcosa…e non so come comportarmi. Mi butto e corro il rischio di un rifiuto? Ho paura che la mia autostima scompaia per sempre.”

Pallina di neve

 

Carissima, dici di sentirti vuota ed un gradino più in basso degli altri: direi che è giunto il momento di dedicare del tempo a te stessa, ricostruendo le fondamenta della tua vita e la fiducia che meriti. Coccolati dentro e fuori, dai il giusto spazio alle tue passioni e a tutto quello che ti rende felice, soprattutto non fare l’errore che commettono in molti: non passare da una storia all’altra solo per paura di affrontare le tue fragilità. Affrontale, superale e sono sicura che quando ritroverai te stessa, non avrai alcun timore di proporre un caffè al ragazzo che ti piace.

————————————————–

Mi vede solo come un’amica? 

“Cara Doro, ho 17 anni e sono un po’ in crisi. Quest’estate  ho conosciuto un ragazzo con cui ho trascorso pomeriggi tra abbracci e parole dolci. Niente di più. Una volta tornati alla realtà di tutti i giorni, scopro che in realtà già da tempo si sente con un’altra ragazza, molto più piccola di me. Ci sono rimasta malissimo e mi sento ancora fortemente attratta da lui: faccio di tutto per rivederlo e lui non perde occasione per essere dolce e carino con me…ma niente di più…che fare?!”
A.

Cara A., sei giovanissima e quindi sento il dovere di farti un mini briefing avanzato dal titolo “Gli uomini che incontrerai nella vita”. Ci sono quelli a cui non piaci (prima te ne farai una ragione, meglio è), quelli a cui piaciucchi (“stai perdendo il tuo tempo” alert!) e quelli a cui piaci talmente tanto per come sei, da chiederti di uscire senza tanti stupidi preamboli. Il tuo “amico”, onestamente, lo ficcherei con tutto il pannolone nella seconda categoria. Ma magari mi sbaglio eh. Un bacio!

————————————————–

Senza emozioni.

“Ciao cara Doro, ho 32 anni, sono architetto e sono fidanzata da 13 lunghi anni. Pur non avendo mai parlato di convivenza o figli, dopo la scomparsa di sua madre, ho sentito l’esigenza di colmare quel vuoto e così mi sono sentita di proporgli di andare a vivere insieme e, qualora tutto fosse filato liscio, il matrimonio. Lui ha avuto però una reazione singolare: si è innervosito e mi ha detto di non avere nessuna intenzione di lasciare la casa dei suoi genitori. Ho lottato per anni su questa mia intenzione, ma lui è sempre rimasto sul vago. Sono sincera: la routine mi sta ammazzando. Mi alzo a casa mia, vado al lavoro, vado a cena da lui, stiamo due ore insieme e poi me ne torno a casa a dormire. E tutto riparte uguale il giorno dopo. Mi mancano le emozioni. Mi manca la progettualità di un futuro (imminente, non tra cinque anni). Questa estate sono andata in vacanza in montagna ed ho incontrato il fratello di un’amica: ha piantato i suoi occhi nei miei. È stato un colpo al cuore. Ed ormai penso a lui da un mese. Il punto è: non sono più certa di volermi legare ad una persona che mi ha tenuto in sospeso per 13 anni…”

C.

Cara C., la risposta a tutti i tuoi dubbi è già scritta tra le tue righe. Per quale motivo dovresti mai privarti delle emozioni o di poter – un giorno – costruire il futuro di coppia che sogni? Nessun cuore merita di essere ammazzato dalla routine, tanto meno uno pulsante e vitale come il tuo. Non lasciarti imbrigliare dalla consuetudine, dall’opinione altrui o dai “sensi di colpa”: parla apertamente al tuo compagno, metti a nudo le tue esigenze ed il tuo malessere. Osserva la sua reazione. Poi fai la tua scelta. Ricorda che senza inutili zavorre, si corre meglio verso la propria felicità.

————————————————–

Stalking a fin di bene?

“Ciao Doro, mi sono lasciata ad inizio giugno con il ragazzo con cui stavo insieme da 5 anni e mezzo, il mio primo grande amore. Ci lasciamo perché ci trovavamo in una situazione di stallo non più piacevole per entrambi. Negli ultimi tempi ho conosciuto un ragazzo che è stato in grado di entrarmi sotto pelle in poco tempo: ho voglia di vederlo, penso ore a cosa mettermi, mi manca quando non siamo insieme. Un dubbio però mi attanaglia: lui stava per andare a convivere con la sua ex dopo quasi 6 anni di relazione (si sono però accorti che non andava più e così si sono lasciati) ed ho quindi una paura fottuta di scheletri che possano ‘uscire dall’armadio’ o che lui non sia pronto a costruire qualcosa di più bello e serio. Secondo te dovrei indagare sulla questione?”
Una neo-innamorata (?)

Tutti abbiamo bisogno di conferme, soprattutto in un terreno così vulnerabile come quello dell’amore. Fossi in te: 1) farei un bel respiro ed allenterei il passo (non correre! goditi il viaggio e vedi dove ti porta), 2) abbandonerei qualsiasi tattica da stalker (un vero colpo basso alla fiducia che l’altro ripone nei nostri confronti) , 3) – se proprio necessario – confiderei (con tatto e discrezione) le mie perplessità al partner. Noi donne ci facciamo tanti film inutili, questo lo sai, si?

————————————————–

Non so più cosa voglio dalla vita.

“Cara Doro, ho 20 anni, da due sono partita felicemente e con sollievo alla volta della mia piccola città universitaria e ho avuto in più (pensa te!) la fortuna d’incontrare l’amore seduto nella mia stessa aula. È stata la prima volta dopo tante storie sbagliate, in cui mi sono sentita sinceramente innamorata. Insieme a lui passo praticamente l’anno e mezzo più sereno della mia vita, nonostante la fine di alcune amicizie. Poi un giorno inizio a rimuginare su quanto poco stessi facendo aldilà dello sfornare esami e dedicarmi a lui: inizio a mettere in dubbio ciò che sento e alla fine lo lascio.  Non so perché sia successo. Non so più cosa voglio dalla vita sotto tutti i punti di vista. Niente è andato come mi aspettavo e a vanificare di colpo due anni è bastato un mese scarso. E adesso?”
C.

Cara C., la vita è fatta di percorsi: lunghi, lunghissimi, impervi, scoscesi, brevi, due passi e stop. Poi semplicemente finiscono o ti portano ad intraprenderne di nuovi: alcune volte sai esattamente dove stai andando, altre no. E non devi fartene nessuna colpa. Il mio consiglio è di ricominciare da te stessa, aprirti nuovi sentieri e lasciarti trasportare dalla marea quando serve. Se ti opponi al cambiamento, non scoprirai mai cosa la vita ha in serbo per te.

Vuoi essere anche tu protagonista della rubrica DoroRisponde?

Scrivimi a dororisponde@gmail.com

Alla prossima settimana!

avrai

AVRAI.

Avrai. Migliaia di scalini da salire, strade da percorrere a fari spenti, luoghi in cui sopravvivere. Avrai giorni bui in…