Finisce solo quello che non è.

Passiamo la vita a rincorrere amori che non esistono, treni che non fanno fermate, persone che non ci vogliono (davvero). Passiamo la vita a provare: domani andrà meglio, forse devo fare così, forse dovrei fare meno colà. Passiamo la vita a convincerci che possa accadere qualcosa, solo perché ostinati a credere sia ciò di cui abbiamo bisogno. Passiamo la vita. La vita passa.
E così ci sfugge il vero senso di essa: le cose sono belle quando accadono (non tanto per il volere delle stelle, quanto per quello di due persone che fanno di tutto per venirsi incontro) e non quando forzate ad essere (qualcosa, qualcuno, un’emozione).


Spontaneità. Si, abbiamo bisogno di spontaneità.

Perché nella vita finisce solo quello che non è.
Perché spesso nella nostra vita non inizia ciò che non deve essere. 

Quante volte ti sei detta che è lui l’amore della tua vita. Che non importa quanto ti faccia soffrire – telefono spento, messaggio senza risposta, presi e mollati almeno una decina di volte – che no, in fondo non hanno importanza tutti quei momenti in cui ti senti infelice e trasparente con (o senza di) lui. Quante volte ti sei detta che quella è la tua strada. Che non importano gli attacchi di panico, quella vocina nella testa “sei sicura sia la cosa più giusta per te?”, che l’importante è andare avanti in quel percorso che ti sei (ti hanno?) cucito addosso: l’opinione altrui ha più valore della tua. Quante volte hai cercato l’amica che non aveva mai tempo per te, quante volte hai sognato di ricevere una telefonata da quel ragazzo sparito dopo un bacio,  quante volte hai sperato certe cose – amori, amicizie, emozioni – potessero ricominciare daccapo.

E credere nel lieto fine, lottare per un sogno – qualcosa, qualcuno – non è certo un errore: l’errore è credere nel lieto fine, lottare per un sogno – qualcosa, qualcuno – allontanandoci dalla nostra serenità. Perché ciò che merita (vuole!) davvero di continuare ad essere e a vibrare nelle nostre corde, può certo richiedere un po’ di sacrificio, ma mai la nostra infelicità. Spesso finiscono solo gli amori destinati a finire. Spesso non si riescono a prendere treni che non ci avrebbero – comunque – portato da nessuna parte. Spesso ci sono aerei che non decollano, perché la strada che aspetta di essere percorsa a piedi è decisamente più bella.

Oserei dire meravigliosa.

avrai

AVRAI.

Avrai. Migliaia di scalini da salire, strade da percorrere a fari spenti, luoghi in cui sopravvivere. Avrai giorni bui in…