La festa delle innamorate di SE STESSE. (E nel mio caso anche di un blog!)

Auguri a TUTTE NOI. 
A noi che ci amiamo comunque vada la nostra vita, qualsiasi sia la taglia del reggiseno che indossiamo, qualsiasi sia la nostra “situazione sentimentale” su Facebook.

A noi che ci vogliamo bene ogni sacrosanto giorno (ma a San Valentino un cicinino di più!)


A noi che non facciamo dell’amore una missione ma una virtù. (E le virtù, signore mie, mica si svendono ai grandi magazzini al primo che passa!) A noi che amiamo noi stesse prima di amare tutto il resto, perché senza un briciolo di amor proprio – pur di essere amate – finiremmo tra le braccia di chiunque.

Auguri a coloro che nell’amore vedono un punto di partenza e non solo di arrivo. Auguri a coloro che amano anche quando hanno il deserto intorno. Auguri a coloro che insegnano agli altri ad amare senza chiedere amore in cambio.

Auguri alle donne che a San Valentino, così come in qualsiasi altro giorno dell’anno, prima di tutto si ameranno.

A quelle che non verseranno fiumi di lacrime perché “dio mio, nessuno mi vuole!” ma che piuttosto sentenzieranno “io mi voglio!“. A quelle che non vivono l’amore come una sottomissione, uno “zerbinaggio” non retribuito, un cordone ombelicale che non porta alcun nutrimento alla loro esistenza. 

Auguri a chi fa dell’amore un sentimento e non un’emozione, a chi ne fa “parole nere su bianco” e non scritte sulla sabbia,  a chi con l’amore plasma, crea e non incarta solo pacchetti il quattordici di Febbraio.
Con un pizzico di presunzione gli auguri li faccio anche a me stessa, che amo ed ho amato fin dal primo giorno questo piccolo spazio di sfogo/confronto virtuale che è il mio blog. Una creatura innaffiata, concimata e riscaldata da amore e passione giorno dopo giorno: un’isola felice che tante volte mi ha dato la forza per andare avanti, per ricominciare da zero, per guardare dentro me stessa. Una perla che conservo tra i miei gioielli più cari. La dimostrazione che con l’amore e la dedizione si possono fare piccole grandi cose: nessuno sponsor, nessuna agenzia di blogging all’attivo. 
Quello che Non Conto Fino A Dieci è diventato fino ad oggi lo deve solo all’amore di chi lo segue, lo coccola e lo vuole così com’è. 

Voi lettrici in primis.

Così, con qualche giorno di ritardo, festeggio insieme a voi il terzo compleanno di “Non Conto Fino A Dieci“: nel giorno più romantico di sempre ho voglia di celebrare l’amore per una parte di me senza la quale ora non saprei più vivere. Per lui, che sta diventando sempre più grande e robusto, che ha saputo reggere a certe tempeste, che mi è stato accanto anche quando volevo essere lasciata da sola.
Oggi celebro l’amore per voi, che avete reso questo blog speciale ed unico nel suo genere.
Per voi che ne avete fatto una delle cose più belle della mia vita.
GRAZIE,
Dorotea.