Stendili tutti.

Si lo so, avrete pensato che stessi per parlare di uomini.
Quante volte ve lo devo ripetere? Smettetela di pensare sempre agli uomini. Che poi, che mai ci sarà da dire a proposito? 

Ruttano, si grattano i gioielli e ci mettono incinta. Stop.

( Ovviamente se mai il mio boyfriend dovesse leggere quest’ultima mia affermazione, siete tutte testimoni di un fantomatico attacco hacker inferto al mio blog da Gemma del Sud)

Non voglio parlare di uomini, nè tanto meno dei possibili modi per metterli a tappeto, che poi, se proprio ci tenete a sapere la mia opinione, sono due: togliendovi le mutandine o tirandogli un calcio in mezzo alle gambe, ça va sans dire. Il verbo stendere per noi donne può significare molte più cose di un banalissimo k.o. inferto al sesso maschile.

Stendere i panni freschi di bucato.
Stendere la marmellata sul pane tostato.
Stendere la pastafrolla con il mattarello.
(di)Stendere le gambe dopo un’intensa seduta di addominali.
Stendere un velo pietoso sul look gipsy della tua vicina di casa.

Una donna che si rispetti però dovrà imparare a stendere ben altro che un tocco di Nutella o un paio di mutande sullo stendino: una donna, una vera donna, dovrà imparare a stendere ben altro che pensieri e parole. Dovrà imparare a stendere smalto. Su mani e piedi. Mica facciamo le cose a metà, noi. Tralasciando i risultati di questa procedura, che vanta di essere l’arte di poche e l’incubo di tutte le altre, come ogni mercoledì sono stata chiamata a rapporto dalle mie amiche di tè&pasticcini, che per questa settimana hanno deciso di indirizzare le nostre chiacchiere civettuole su trucco e dintorni.
“…tra le ultime tendenze in fatto di make up, è sicuramente lo smalto a fare da protagonista.
Si, lo smalto. Quel bastardo che impiega dodici ore ad asciugarsi se c’hai fretta e che si sbecca non appena metti piede fuori di casa. Il nail polish, appese al chiodo le tinte invernali e low profile, come il grigio mat per le sofisticate e l’oro opalescente per le più estrose, si lascia sedurre dall’arrivo della primavera.
Le collezioni P/E 2012 vestono le nostre unghie di colori golosi ed accattivanti: una vera e propria incetta di vitamine, dalla A allo zinco, che seppur prive di un principio attivo farmacologicamente riconosciuto, di sicuro mettono di buon umore e impreziosiscono i nostri look…”
{continua qui}



Per leggere tutti i miei articoli @TheItalianFashionTea clicca qui