Tutto quello che ho imparato da "The Great Gatsby". E da quel figo di Leonardo Di Caprio.

“The Great Gatsby” è da sempre uno dei miei libri preferiti.
Ricordo di averlo letto tutto d’un fiato, un po’ come il Gattopardo, un po’ come Narciso e Boccadoro di Hermanesse: “The Great Gatsby” è uno di quei libri che sa trascinarti di peso nei voluttuosi e dissoluti anni venti, tra il luccichio delle paillettes di un minidress firmato Coco Chanel e quello di  flutes traboccanti Moet&Chandon. Il masterpiece di F. Scott Fitzgerald è una sottile denuncia di una società americana ormai corrotta e svuotata di ogni valore, dove solo un uomo come Jay Gatsby, venuto dal nulla e febbricitante d’amore, poteva che fare la differenza. 
E giustamente Baz Luhrmann, non contento di averci stravolto aspettative ed ovaie già ai tempi di Romeo+Juliet, ha scelto di dare a Gatsby il volto senza tempo di Leonardo Di Caprio
Aa-ah. 
(sospiro carico di significato e di ossitocina)
Ecco i miei appunti presi durante la visione de Il Grande Gatsby:
  • E’ ufficiale, adoro le paillettes. E i giri di perle intorno al collo. E le Mary-Jane ai piedi. E lo smoky eyes. E il carré sbarazzino. E le guepiere. E le case gigantesche tipo quelle de Barbie, con millemila chilometri di giardino, tre piscine ed una schiera di camerieri-che-manco-l’esercito-di-terracotta-cinese.
  • Leonardo Di Caprio è figoMa proprio figo-che-te-senti-male. Poi con lo smoking ed il ciuffo ingelatinato che-te-lo-voglio-dire-a-fà! E non parliamo di quando si presenta inzuppato di pioggia dalla testa ai piedi in abito bianco. A Leonà, pure te però, datti una regolata. Che io e le mie amiche mica ci siamo abituate. Dico, mica ci siamo abituate ad uno bello e charmant come te in HD. 
  • Non ho mica capito perchè ogni volta che Leo interpreta l’uomo perfetto sul grande schermo ( tipo Romeo Montecchi o tipo Jack Dawson) lo devono sempre far crepare sul più bello. Che sia una sorta di messaggio subliminale per noi femmine? Una roba del tipo: ah belle, è inutile che ce state ancora a sperà, il principe azzurro è affondato insieme al Titanic?
  • Tobey McGuire deve avere più di un santo in paradiso, ed onestamente ancora mi chiedo come diavolo abbia fatto ad ottenere la parte da protagonista in Spiderman: voglio dire, ha la stessa espressività di una teiera firmata Richard Ginori, la esse sibilante tipo s-sssireee e quando perde le staffe sul grande schermo, me sembro tanto io durante il primo giorno di ciclo. “Mammaaaaaaa dove cazz hai messoooo gli assorbentiiiiii?”
  • Voglio imparare a ballare il charleston. E voglio regalarmi una vestaglia vintage in seta. 
  • Gli uomini, ahimè, preferiscono da sempre le bionde. Il punto è che essi perdono la testa non per una bionda qualsiasi: essi in genere perdono la testa per una di quelle superficiali e vuote come la cassa di un tamburo. Capricciose, inaccontentabili, con lo stesso quoziente intellettivo di tutto il cast di Jersey Shore all’appello. 
  • Una bionda stupida e superficiale ha sempre un’amica mora, in genere bella, intelligente e stilosa (ogni riferimento è puramente casuale!), costretta ad assistere avvilita ad una schiera di lobotomizzati che corteggiano la biondazza manco fosse uno dei diamanti della corona della regina. 
  • Con i soldi si può comprare tutto tranne la felicità. (Ok questa è banale come le interviste su Diva&Donna: l’ho inserita giusto per stemperare il mio accanimento sulle bionde giulive!)
  • Daisy, la bionda acefala (aridaje!), era una cretina matricolata, che se ci fossi stata io al suo posto, non me lo sarei fatto ripetere due volte di mollare un marito fedifrago (per giunta sifilitico!) per passare poi tutto il resto della mia vita con Leona un perfetto gentiluomo.
  • Ma che dico gentiluomo, QUELLO ERA L’UOMO PERFETTOAh Daisy, ma come se fa? Te meriti proprio un doppio vaffa: uno per averci fatto cascare le braccia con le tue paturnie d’amore, che voglio proprio sapere quali dubbi si possano avere davanti ad un Leona Jay Gatsby che è vissuto per cinque anni solo con la speranza di rivederti e di sposarti, il secondo te lo meriti per non aver copulato adeguatamente con il sopracitato, così non solo me sarei goduta qualche scena di nudo in più con Leona Jay, ma soprattutto non si sarebbe estinta la stirpe degli uomini-che-possono-cambiarti-la-vita. Se siamo single e disperate la colpa è solo tua!
  • In amore si può lottare e fare follie ma se lei è stupida e bionda se non si è adeguatamente ricambiati non c’è nulla che possa correre in nostro aiuto. Neanche tutti i maggiordomi di questo mondo.
  • Gli amori riscaldati in padella è meglio buttarli al secchio.
  • Non c’è attesa più lunga e straziante di quella per un telefono che stenta a trillare.
  • L’amore, quello vero, richiede grande coraggio. Ed anche un pizzico di fortuna.

E nonostante le fasce in paillettes le cingessero con troppa veemenza la testolina, impedendo così ai vasi cerebrali di fare il loro lavoro, Daisy-la-cretina, una cosa giusta l’ha detta: Sono contenta che mia figlia sia femmina. E spero che sia stupida: è la miglior cosa che una donna possa essere in questo mondo, una bella piccola stupida.”

Anche se tu, cara Daisy, hai forse un tantino esagerato.


——————————————

Votami su Grazia.it nella categoria IT.LIFESTYLE bloggers!

Basta cliccare QUI ed accendere un cuoricino!
Puoi votarmi ogni giorno!
Grazie a tutte coloro che hanno già contribuito!