Golden Globes 2020: la pagella cattivella.

In occasione dei Golden Globes 2020, dopo ben quattro anni, torna l’appuntamento più temuto dalle scolare da red carpet in gonnella:
La pagella cattivella!

Le prime della classe

Jennifer Lopez in Valentino Couture

Jennifer mi ricorda tanto quelle ex compagne di classe che facevano a gara per attirare le attenzioni dei professori. Quelle che alla minima domanda, alzavano automaticamente il braccio, tipo sbarra del casello autostradale.  Eccola qui che ostenta con estrema disinvoltura maxi fiocco pasquale, acconciatura Pompeiana e bicipiti scolpiti nel travertino. Della serie: “Prof. guardi me, scelga me, chiami me. So tutto sull’aoristo.”

Beyoncè

E se Jennifer si conferma la reginetta delle interrogazioni, Beyoncè ha le idee molto chiare circa il suo posto nel mondo (nonché in classe). Con due spalline così, per ragioni di spazio, mi sembra chiaro che al primo banco possa sedere solo lei. E Jay Z può solo accompagnare, as usual.

 Salma Hayek in Gucci

E niente, mi sembra chiaro che anche quest’anno Salma abbia studiato bene per gli esami di riparazione di matematica e latino.

———————————————

E’ brava, ma non si applica

Jennifer Aniston in Christian Dior

Classica situa in cui punti sul total black perché non c’hai voglia di abbinare stoffe e colori. Anzi, a giudicare dal capello spazzolato  alla buona, si direbbe che in questo caso Jen non c’aveva proprio voglia e basta.

 Saoirse Ronan in Celine

L’abito sarà anche prezioso, ma le cade addosso come certi vestiti di Zara provati sotto le luci impietose del camerino e con la biancheria intima sbagliata.

———————————————

Non ci siamo proprio

 Gwyneth Paltrow in Fendi

In fondo tutte abbiamo quella zia/cugina che si presenta al pranzo di Natale con i postumi del weekend ad Ibiza. Passate il vino a nonna, grazie.

 Taylor Swift in Etro

Qualcuno dica a Taylor che quello che sta fissando è il led di un faretto e non il sole della Versiglia. Il cappello di paglia l’ha lasciato sulla sdraio insieme alla crema solare?

———————————————
Le cocche dei prof.

Scarlett Johansson in VERA WANG

Com’è che dicevano gli antichi?! Ah si: “quando vi sentite fighe e all’ultimo grido, ricordatevi che al mondo esiste Scarlett Johansson”. L’unico grido che ci sentiamo attualmente di vocalizzare è “Scarlèèè, pietààà!!”

Renée Zellweger in Armani Privé

L’abito (bello!) e lo stacco di coscia “assassino” (della nostra self-confidence, certo) cancellano all’istante ogni possibile ricordo di una certa “Bridget Jones”. (Lo zigomo però è lo stesso di Mickey Rourke, peccato).

Zoey Deutch in Fendi

 Tutto quello che su di noi farebbe orrore (color mango, ciuffo leccato, scollatura abissale, spallina con impalcatura alla Grace Jones, manica sblusata come ai tempi di Magellano) su di lei è praticamente perfetto.

Photo credits: IoDonna, Grazia